09 Set

Addio al sussidio di disoccupazione per gli artisti – FIRMA LA PETIZIONE

Addio al sussidio di disoccupazione per gli artisti.

FIRMA LA PETIZIONE

 

Con la circolare 105 del 5/08/2011 l’INPS dice addio una volta per tutte al sussidio di disoccupazione per gli artisti dello spettacolo.
Viene infatti chiarito dopo un anno di risposte diverse da una sede INPS all’altra, la situazione per le categorie artistiche dei lavoratori dello spettacolo.
Vengono escluse dal diritto all’indennità di disoccupazione tutte le figure artistiche come registi, scenografi, coreografi, lighting designer, attori, musicisti, cantanti, danzatori, ecc (in allegato alla circolare c’è una lista contenente tutte le categorie escluse, con tanto di codici ENPALS). In pratica il sussidio viene riconosciuto alle sole categorie tecniche ed amministrative.
Ciò a seguito della confusione generata dalla sentenza del 20 maggio 2010 della Suprema Corte di Cassazione n. 12355 che fa riferimento al Regio Decreto 1827 del 1935 che recita: “Non sono soggetti all’assicurazione obbligatoria per la disoccupazione involontaria: (…) il personale artistico, teatrale e cinematografico”.
La definizione di personale artistico è quella secondo cui “Non sono considerati appartenenti al personale artistico, così teatrale come cinematografico, agli effetti tutti coloro che al teatro o al cinematografo prestano opera la quale non richieda una preparazione tecnica, culturale o artistica”.
Questa sentenza ha anche stabilito il principio secondo cui il versamento del contributo contro la disoccupazione non è da ritenersi di per sé presupposto costitutivo del diritto alla disoccupazione da parte del lavoratore.
La sentenza quindi escludeva dall’indennità di disoccupazione tutti quei lavoratori che pur essendo assunti come lavoratori dipendenti da una ditta che versava la dovuta quota contro la disoccupazione (quota DS), risultavano comunque essere lavoratori “autonomi” in quanto in possesso di preparazione tecnica, culturale o artistica.
La sentenza non chiariva però quali fossero in pratica questi lavoratori.
A questo punto con la circolare 105 dell’INPS tutto viene chiarito.
Tale circolare inoltre chiarisce che il testo è scaturito da “ulteriori approfondimenti nonché dal confronto con l’ENPALS e con le parti sociali interessate”.

Ci rimangono però delle domande senza risposta:

Perché dei lavoratori dipendenti vengono esclusi dall’indennità di disoccupazioni a cui tutti i lavoratori dipendenti dovrebbero aver diritto? Non possiamo credere che la motivazione sia realmente quella che recita il Regio Decreto del ’35, ovvero che se si possiede una preparazione tecnica, artistica o culturale (e chi non la possiede? I tecnici non avranno anche loro una preparazione tecnica e gli amministratori saranno tutti analfabeti?) anche se dipendenti si è autonomi, in quanto capaci di gestire autonomamente il proprio lavoro. Forse questo era realmente così nel ’35 ma è certo che adesso se un danzatore o un attore vengono convocati ad un orario dalla propria compagnia devono presentarsi a quell’ora.
Come tutti i lavoratori dipendenti.

Perché viene richiesto alle ditte che assumono i lavoratori artistici dello spettacolo il versamento della quota INAIL che spetta ai lavoratori dipendenti se poi questi ultimi non vengono considerati tali? E perché le quote DS versate dalle ditte non vengono restituite se non danno diritto all’indennità di disoccupazione?

Perché la circolare non chiarisce quali sono gli “ulteriori approfondimenti in base ai quali si è giunti a queste conclusioni? Perché l’ENPALS che si dovrebbe occupare delle pensioni dei lavoratori dello spettacolo da parere positivo? Ed infine chi sono queste parti sociali interessate a cui si è chiesto parere?

Ci sembra paradossale che vengano escluse dal diritto alla disoccupazione proprio quelle categorie che hanno l’intermittenza lavorativa come parte integrante del proprio essere.
Per un danzatore, un coreografo, un attore o un musicista avere dei periodi disoccupazione durante l’anno è cosa normale.
Le turnèè, anche quelle delle compagnie che lavorano di più, hanno comunque dei lunghi periodi di pausa.

Siamo rimasti uno degli ultimi paesi europei a non riconoscere i lavoratori dello spettacolo come dipendenti intermittenti e a non riconoscere loro il diritto alla disoccupazione.

Da anni chiediamo una regolamentazione per la categoria, che avrebbe dovuto essere contenuta in una più generale legge sul welfare. Ma la legge sul welfare non è mai andata in discussione alle camere e i lavoratori dello spettacolo sono rimasti in questa terra di mezzo, con una legge risalente al 1935.

Ora la circolare 105 dell’INPS ci toglie da questa situazione di incertezza e assesta l’ennesimo colpo ad una categoria sempre meno tutelata e considerata.

Ma noi vogliamo per l’ennesima volta ribadire che quello dello spettacolo è un lavoro e che i lavoratori dello spettacolo sono lavoratori. A tutti gli effetti. Vogliamo, per l’ennesima volta ricordare che il nostro non è un hobby per ricchi, ma un lavoro che ci porta via tempo, fatica, energie. Che richiede impegno e passione.
Come tutti i lavori.

Pertanto chiediamo l’abrogazione in tempi brevissimi del Regio Decreto Legge 4 ottobre 1935 n. 1827 (convertito, con modificazioni,nella legge 6 aprile 1936, n. 1155) nonché l’abrogazione del Regolamento di cui al R.D. 7 dicembre 1924 n. 2270

 

PER OPPORCI A QUESTA INGIUSTIZIA ABBIAMO CREATO UNA PETIZIONE ON LINE

Non sarà l’unica iniziativa, ma è importante firmarla e farla firmare.

http://www.petizionionline.it/petizione/per-lo-stato-gli-artisti-non-sono-lavoratori-ripristiniamo-lindennita-di-disoccupazione/4937

,

20 Responses to Addio al sussidio di disoccupazione per gli artisti – FIRMA LA PETIZIONE

  1. arturo maniscalco 4 settembre 2011 at 00:47 #

    W gli artisti !

  2. lorenzo 7 settembre 2011 at 01:44 #

    siete dei supponenti!!

  3. eleonora 7 settembre 2011 at 15:07 #

    ciao, ho letto la circolare (scritta in burocratese che più burocratese non si può) con relativo allegato. ma praticamente l’assicurazione contro la disuccopazione rimane solo ai macchinisti e agli elettricisti? ma con quale criterio si fa differenza tra un direttore di scena o un attore e un capo macchinista? misteri dell’inps…

  4. Faustino Ghirardini 10 settembre 2011 at 10:15 #

    Preoccupato e non solo per questo… ma s’ha da tenere duro.

  5. Vincenzo claudio stancampiano 14 settembre 2011 at 02:43 #

    esistiamo anche noi!

  6. Alma Rivola 15 settembre 2011 at 10:59 #

    Un paese civile sostiene la cultura e lo spettacolo di qualità e non abbandona gli artisti ad un infausto destino. Si cambi registro, presto!

  7. Il Cerchio Invisibile 15 settembre 2011 at 13:29 #

    Non ci resta che piangere!!!
    Terremo duro!!!!!!!!

  8. Caterina Scotti 16 settembre 2011 at 23:50 #

    Mi sembra proprio un agrande ingiustizia, con tutti i contributi che versiamo-

  9. annalisa 17 settembre 2011 at 17:27 #

    cultura è civiltà ma in questo momento siamo un paese incivile che tollera governanti incivili

  10. annalisa 17 settembre 2011 at 17:31 #

    non c’è civiltà senza cultura ed il teatro è espressione della cultura. tagliare le gambe agli artisti fa male al paese

  11. annalisa 17 settembre 2011 at 17:33 #

    così gli artisti aggiungeranno precarietà alla precarietà !

  12. Walter Maconi 18 settembre 2011 at 19:24 #

    Non può passare una tale vergogna

  13. Gianluca Pagano 19 settembre 2011 at 19:50 #

    Io non capisco come mai non abbiamo diritto ad avere il sussidio!!Noi paghiamo comunque la rivalsa e di conseguenza abbiamo il diritto di percepire il sussidio!!

  14. Paolo 26 settembre 2011 at 00:28 #

    Allora…le cose vanno lette con attenzione, e senza distorcere il significato delle parole. Se leggete la circolare, è chiarissimo che: 1) Anche i lavoratori dello spettacolo con contratto di lavoro subordinato sono assicurati contro la disoccupazione 2) con eccezione degli “artisti” individuati da codice Enpals, che in quanto tali hanno come unico ente previdenziale di riferimento l’Enpals e solo a codesto ente, alle sue norme e al suo sistema di prestazioni devono riferirsi 3) le aziende che si avvalgono di lavoro prestato da artisti non devono pagare il contributo DS per tale assicurazione disoccupazione 4) qualora sia stato versato tale contributo, le sedi Inps dopo attenta verifica sono invitate a regolarizzare la posizione contributiva, cioè a restituire alle aziende il contributo indebitamente versato. Più che questa petizione, fatene una all’Enpals chiedendo che venga istituita l’assicurazione di disoccupazione anche per il settore dello spettacolo, e per far ciò, coinvolgete i sindacati, dato che è proprio questo il loro compito!! Ciao da un cantore per passione.

  15. maria tassara 29 settembre 2011 at 13:52 #

    Oi Lu, tudo bem?

    Olhe, pode contar comigo e com os meus alunos, està bem?
    Este governo està arruinando a Italia, incrìvel! Que pena, né?
    Nao entendi onde assinar a petiçao!
    Um abraçao e até mais
    Bjs
    Prof. Maria Tassara

  16. ninni 30 settembre 2011 at 13:27 #

    si grida “al lupo, al lupo” solo quando si sta per perdere il lavoro. Ma quando si è assistito alle porcate fatte da tanti teatri, compresi a tutto titolo quelli di sinistra, ci siamo girati dall’altra parte. La cosa non ci toccava. CAMBIAMO NOI STESSI E POI CAMBIEREMO GLI ALTRI

  17. tommy 29 novembre 2011 at 14:52 #

    andiamo tutti a roma a protestare .. Non rimaniamo fermi muoviamo un movimento contro questa legge ….

  18. Paolo Pozzi 13 dicembre 2011 at 18:35 #

    nella terra della cultura qui si ara ma non si semina…

  19. antonio moccia 19 aprile 2012 at 17:18 #

    qualchealtra villa devono costruire da qualche parte con le disoccupazioni tolte a noi musicisti si sapeva gia speriamo che loro e i loro figli la possono godere a lungo con delle malattie incurabili

Trackbacks/Pingbacks

  1. Martedì 4 ottobre il CAIE manifesterà contro la circolare che impedisce ai lavoratori dello spettacolo di percepire la disoccupazione a requisiti ridotti | SFUEI DAL FRIÛL LIBAR - 3 ottobre 2011

    […] di cui al R.D. 7 dicembre 1924 n. 2270 SOSTIENICI FIRMANDO LA PETIZIONE ON LINE AL SITO: http://www.teatrovalleoccupato.it/addio-al-sussidio-di-disoccupazione-per-gli-artisti-firma-la-petizione Coordinamento Artisti Interpreti Esecutori del Friuli – Venezia Giulia […]

Lascia un commento

css.php