05 Feb

al

11 Feb

Apertura di un tavolo politico | Comunicato stampa

 

COMUNICATO STAMPA

Durante l’incontro di oggi abbiamo ottenuto l’apertura di un tavolo politico, a partire da mercoledì prossimo, con la presenza costante dell’Assessorato, oltre che del Teatro di Roma. Oggetto della discussione del prossimo incontro saranno le linee guida della Convenzione presentata dalla Fondazione, su cui sarà però necessario verificare il sostegno reale dell’Amministrazione.

Obbiettivo: un laboratorio culturale, politico e sociale a partire dalle pratiche dei beni comuni e dall’idea di un nuovo Teatro Partecipato.

Le informazioni che abbiamo ricevuto e che rendiamo pubbliche:

  • il teatro non riaprirà (nella migliore delle ipotesi) prima di dicembre 2015, scadenza entro cui devono essere realizzati i lavori di semplice messa a norma;

  • la programmazione che era stata stabilita dalla direzione artistica del Teatro di Roma è saltata e attualmente in via di definizione;

  • il passaggio dal Demanio statale al Demanio comunale, non ancora avvenuto, è previsto entro la fine di marzo.

Il foyer dovrebbe riaprire a marzo. La nostra proposta è di renderlo un luogo vivo e abitato da subito, dove svolgere attività di progettazione partecipata aperte a artisti e cittadinanza per costruire il progetto artistico futuro, e non un semplice info point di biglietteria.

Il progetto di una nuova istituzione bene comune non si ferma e non si fermerà, comunque vadano i lavori di questo nuovo tavolo. Roma ha bisogno di un laboratorio diffuso che ripensi le politiche culturali, valorizzando gli spazi indipendenti ora sotto attacco.

La lotta che stiamo portando avanti appartiene a tutti e invitiamo tutti a mantenere viva l’attenzione e la partecipazione su prossimi passaggi.

 

#seciseibattiuncolpo
#giovannadeglispiriti

, , , , , ,

2 Responses to Apertura di un tavolo politico | Comunicato stampa

  1. Guido Palma 6 febbraio 2015 at 01:22 #

    Certo che dobbiamo osservare, condividere, sostenere l'azione condotta dal Teatro Valle bene comune, per evitare ulteriori danni all'attività culturale romana, già perseguitata dai roika boys sotto l'egida del motto PER RAMMOLLIRE QUALCHE TESTA DURA/ CHE VIVERE NON VUOL SOTTO PADRONE/ DEVI TAGLIARE SEMPRE LA CULTURA/ E CONTROLLARE BEN L INFORMAZIONE

Trackbacks/Pingbacks

  1. Teatro Valle Occupato. Nemo profeta in patria - 13 marzo 2015

    […] Il comunicato degli attivisti dopo l’ultimo incontro con il Teatro di Roma […]

Lascia un commento

css.php