19 Ott

Mercoledì 19 ottobre h. 18.30 presentazione del libro “BENI COMUNI un manifesto” di Ugo Mattei – h.21 L’ULTIMO VIAGGIO di David Riondino – h.22 STAG in concerto

 

h.18.30

Ugo Mattei
al Teatro Valle occupato
presenta il libro

BENI COMUNI
un manifesto

 Dalla lotta per l’acqua, l’università e la scuola pubblica a quella per l’informazione critica;
dalle battaglie contro il precariato e per un lavoro di qualità a quelle contro lo scempio e il consumo del territorio;
dalla lotta contro la privatizzazione della rete internet a quella contro le grandi opere:
i beni comuni non sono una merce declinabile in chiave di avere.
Sono una pratica politica e culturale che appartiene all’orizzonte dell’esistere insieme.
Questo volume, scritto nella forma agile del manifesto, teorizza i beni comni come riconquista di spazi pubblici
democratici, fondati sulla qualità dei rapporti e non sulla quantità dell’accumulo.

 

 a seguire

Trio Schroeder
intervento musicale

e

L’ultimo viaggio

da “Ultimo viaggio” di G. Pascoli

di
DAVID RIONDINO

 con
David Riondino e Paolo Bessegato

musiche di
Francesco Venerucci


 Nell’undicesimo canto dell’Odissea, l’evocazione dei morti, si annuncia un seguito all’avventura dell’eroe itacense. Se Omero lo fa annunciare a Tiresia, vuol dire che il racconto esisteva, era patrimonio degli aedi e del loro pubblico. Valerio Massimo Manfredi ci accompagna nella ricostruzione di questa seconda Odissea, che sicuramente fu raccontata ma che non ci è mai arrivata. Se non è arrivato il poema è però arrivata la sua ombra, il mito deòòa seconda odissea di Ulisse. E’ Il mito dell’Ultimo viaggio, quello che affascinò Dante e Tennyson, e tanti altri, il viaggio nell’ultimo mistero. È il mito che affascina Pascoli in questo L’ULTIMO VIAGGIO. L’opera si trova nei Poemi Conviviali, e fu composta nel 1904. Ulisse, ormai vecchio, riparte da Itaca coi suoi marinai, a ritrovare le isole della sua avventura. E ovunque oprenda terra, non resta traccia delle imprese della giovinezza. Come se la memoria della propria vita fosse un sogno, o un incubo. È un Pascoli molto contemporaneo, misterioso, quasi allucinato quello che scopriremo ascoltandone il poema.

***
ore 22  

STAG

 in concerto

 

            
Marco GUAZZONE piano e voce
   Stefano COSTANTINI  tromba
 Giosuè MANURI batteria
 

, ,

No comments yet.

Lascia un commento

css.php