12 Gen

Permanenza La Ruina/Scena Verticale – Giovedì 12 Gennaio

PERMANENZA cap. 6
12 GENNAIO


h 12 / 16

Laboratorio a cura di Saverio La Ruina
rivolto a professionisti e non, aperto ad uditori

per iscrizioni e informazioni: navescuola.tvo@gmail.com


h 18

DISCUSSIONE intorno alla ‘ndrangheta
con Danilo Chirico e Alessio Magro
autori del libro DIMENTICATI – Vittime della ‘ndrangheta, Castelvecchi editore,
(vincitore del Premio Indro Montanelli 2011)
e con Francesco Forgione, ex commissario antimafia.

 

h 19

Lettura scenica:
L’ITALIA S’È DESTA
di Rosario Mastrota, con Dalila Desirée Cozzolino

Rosario Mastrota, attore, regista, sceneggiatore, autore e scrittore, nasce a Cosenza nel 1980. Entra a far parte di Scena Verticale nel 1999, occupandosi soprattutto di teatro per ragazzi. Fonda, nel 2008, la Compagnia Ragli, continuando il suo perfezionamento come attore e regista teatrale con Gigi Ghezzi, Massimiliano Civica, Motus e Riccardo Caporossi.


h 20.30

Aperitivo con vini calabresi

 

h 21

U TINGIUTU – Un Aiace di Calabria

ideazione, testo e regia Dario De Luca
con Dario De Luca, Rosario Mastrota, Ernesto Orrico, Fabio Pellicori, Marco Silani
musiche originali Gianfranco De Franco, Gennaro “Mandara”de Rosa
assistenza alla regia Isabella Di Rosa
scene, costumi e oggetti di scena Rita Zangari
pupazzi Aldo Zucco
direzione tecnica e audio Gennaro Dolce
luci Gaetano Bonofiglio
organizzazione Settimio Pisano
in collaborazione con Calabria Palcoscenico – Regione Calabria

Un clan dell’Onorata Società calabrese, alla morte del boss Achille, giudica Ulisse
e non Aiace l’affiliato più valoroso e gli attribuisce il potere del capobastone morto.
Aiace, offeso nel suo onore, progetta di sterminare i sui giudici e di torturare il rivale.
Durante la tortura Aiace dà sfogo alla propria rabbia e al proprio dolore;
sa che da quel momento in poi è diventato nu tingiutu, per gli uomini della cosca uno tinto col carbone,designato a morire, condannato per lo “sgarro” fatto.
Per tutti, anche per se stesso, è un cadavere che cammina.
In una agenzia di pompe funebri, quartier generale della cosca e funesto scenario di soprusi e gerarchie crudeli, si svolge tutta l’azione.


Ho provato a raccontare la mia Mala Calabria usando gli eroi greci.
La tragedia antica mi ha offerto la “vista” per spiegare e interpretare facce, affari, ambizioni,destini e pance di questi malacarne che hanno trovato fortuna e identità nell’altra legge. Senza redimerli naturalmente, ma portando anche alla luce come un certo retroterra
possa indirizzare delle scelte non lecite. Perché la maledizione in Calabria si chiama “contiguità”. Quella cosa terribile che costringe onesti e disonesti, mafiosi e non mafiosi a vivere fianco a fianco, a respirare la stessa aria, a frequentare gli stessi luoghi. E questa ignara mancanza di libero arbitrio pone drammaticamente l’attenzione sull’importanza di una educazione anti-mafiosa.

Vivendo in questa terra dalle mille contraddizioni, questi dubbi, personali,
enormi, sconvenienti, tengono viva la riflessione sul nostro operato quotidiano.
Naturalmente mi sono interrogato sulla lingua da usare in una tragedia oggi,
e sono arrivato ad un linguaggio, una parlata viva, misteriosa e dialettale.
Una parlata fatta di allusioni, di espressioni gergali, di detto e non detto,
di segni e occhiate che inaspettatamente, i miei attori ed io, ci siamo ritrovati dentro di noi.
Forse per quella solita, maledetta “contiguità”.

Testo finalista al Premio Riccione per il Teatro 2009
Premio Landieri 2011 “Migliore Attore” a Dario De Luca
Spettacolo finalista al Premio Landieri 2011


# Installazione di Claudia Zicari dedicata al Teatro Valle Occupato

 

, , , , , , , , ,

No comments yet.

Lascia un commento

css.php