03 Feb

al

10 Feb

RABBIA #6 | Una scrittura che genera altre scritture a cura di Cristian Ceresoli I Una produzione del Teatro Valle Occupato | 03-10 February 2014 | Sessioni pomeridiane SPALANCATE a chiunque voglia udire

1452295_700848559939226_495775176_n

Il Teatro Valle rimanere un luogo delle diverse umanità e di nessun settore. 

Rabbia (Rage) 
a production of Teatro Valle Occupato 
a cura di / conducted by Cristian Ceresoli 
in collaboration with Silvia GalleranoStefano Cenci and the Occupiers of Teatro Valle with the assistance of Luca Franco and Inti Nilam

La produzione di una nuova scrittura. Un atto violento. Di massa. Un cantiere di lavorazione, continuo. Una scrittura che procede per appunti, e che viene aperta alla cittadinanza in tutte le sue fasi di lavorazione. Una rabbia accumulata. Una rabbia poco prima di esplodere. Una rabbia che si manifesta. O no. Il progetto di produzione di una scrittura che durante la sua lavorazione considera, sospinge e mette in pratica la costruzione/produzione di altre scritture, sperimentando le diverse forme, dall’opera dal vivo alle possibilità televisive, al cinema, alla radio. Una scrittura che genera altre scritture. In mezzo alle donne e a gli uomini.

Mentre si costruisce una mia scrittura, per il momento intitolata Appunti per Rabbia, ci occupiamo di far emergere, sviluppare e realizzare le scritture di altre scrittrici e scrittori. Mentre si produce questa scrittura si cercano e definiscono le condizioni per portare in produzione le altre scritture. Dentro la rabbia. Si procede per appunti, per sessioni di lavoro in cui i diversi elementi si combinano. Si vedono le scritture o sentono nella carne di attrici e attori che collaborano e sono coinvolti dal principio, subito, in un caos genetico in cui le sensibilità si accordano, alterano, scontrano: producono. Ci sono incontri, ricerche, interviste, tentativi, visioni, testimonianze, o niente. La forma della scrittura non è data: opera dal vivo, televisiva, cinematografica, radiofonica, altro. Quella forma si comprende e stabilisce, dunque definisce, nello sviluppo del lavoro. La pratica è quella degli appunti che progressivamente vanno a combinare un mosaico, via via raffinato e precisato. Così le sessioni di lavoro. Così i tempi. I modi. Le tecniche. Gli artisti e operatori e tecnici coinvolti. Queste. Stesse. Parole. Come già in collaborazioni precedenti, è fondamentale che la produzione di questa mia scrittura (e delle altre che devono emergere) sia in pratica, nei fatti, e nelle ore di lavoro, la combinazione di una riflessione e azione continuata all’interno dell’Occupazione del Teatro Valle. E cioè tra le donne, e gli uomini. Secondo una struttura in continua evoluzione, che prevede il coinvolgimento della cittadinanza nelle sue diverse fasi di lavorazione, la scrittura viene gettata in pasto a chiunque. Riprendendo lo schema, ma in qualche modo contraddicendolo e re-inventandolo, che ha portato a costruire, scrivere, produrre e incarnare La Merda. C.C.

Il progetto di produzione di una scrittura che genera altre scritture
Rabbia è il progetto di produzione di una scrittura che continuamente genera altre scritture. Dove per “scritture” si intende costruire opere artistiche (almeno inizialmente) senza vincoli formali. Dove la ricerca estetica ha una ricaduta in termini di produzione, di concrete possibilità di realizzazione, di riconoscimento del lavoro svolto di chi è coinvolto. E viceversa.

Dal 6 Novembre 2013 gli incontri proseguono secondo il calendario riportato qui sotto, anche se non è detto che si decida di aggiungere ore di lavoro a quelle previste. E’ importante ricordare che le sessioni di lavoro, che continuano nel tempo, servono a individuare e scegliere quali scritture, oltre a quella di Cristian Ceresoli, e le relative scrittrici, autori, registi, attrici, musicisti, attori, videomaker, tecnici e tutte le figure che saranno coinvolte nella loro produzione. Così dentro Rabbia si continua a cercare nuove scritture, mentre le prime sono effettivamente realizzate, fatte, scritte. Prodotte.

Per sua natura il progetto ha una struttura dinamica, e partecipata. Molte delle scelte dipenderanno dallo sviluppo che prenderà il lavoro. E così i tempi. E i modi.

Calendario sessioni Rabbia
6 November 2013 | 14.00-18.00 at Teatro Valle (Sala Capranica)
19 > 21 November 2013 | 14.00-18.00 at Teatro Valle (Sala Capranica)
3-4 December 2013 | 14.00-19.00 at Teatro Valle (Palco) 
16 > 18 December 2013 | 14.00-19.00 at Teatro Valle (Foyer)
24-25 January 2014 | 14.00-19.00 at Teatro Valle (Sala Capranica)
3-10 February 2014 | 10.00-13.00 + 14.00-19.00 at Teatro Valle (Palco)
19-23 May 2014 | 10.00-14.00 + 15.00-19.00 at Teatro Valle (Sala Capranica/Palco)
NB I lavori sono aperti a tutto, chiunque può venire stare con noi e assistere

Schema provvisorio dell’equipe ora impegnata nelle scritture in produzione a Rabbia
– Attrici/Attori
– Scrittrici/Scrittori
– Videomaker
– Registi
– Addetto alla Sostenibilità Economica
– Assistente alla Produzione 
– Addetto alla Comunicazione e Stampa
+ Altri Operatori e Tecnici
∞ Illimitato Numero di Uditori (Apertura alla Cittadinanza di tutti gli incontri)

info: rabbiatvo@gmail.com

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

No comments yet.

Lascia un commento

css.php