29 Dic

SUBSONICA al Teatro Valle Occupato – Giovedì 29 dicembre h. 21

 

S U B S O N I C A

 

IN CONCERTO

 

h.21

 
Un’altra occasione per varcare la soglia illegale del foyer e condividere un atto non neutro e di lotta che si traduce in atto creativo.

Il Teatro Valle Occupato è un teatro aperto e si esprime, di volta in volta, attraverso chi lo abita, lo vive, ci passa o lo attraversa, declinando generi, stili e narrazioni differenti.

In questo caso l’atto creativo è il suono adrenalinico nato nella Casasonica, un ex laboratorio cinematografico nella Torino dei portici del ’96 e che oggi approda al Valle in veste interamente acustica.

Certi che il connubio Subsonica/Teatro del 1727
sarà generatore di felici esperienze-cortocircuito,
vi ricordiamo che la CAPIENZA DEL TEATRO E’ LIMITATA A 600 POSTI.

Non ci sono prevendite, non si prenota, 
si fa la FILA DEMOCRATICA
Ingresso a sottoscrizione libera e consapevole

 E buon concerto a tutti!

, , , ,

6 Responses to SUBSONICA al Teatro Valle Occupato – Giovedì 29 dicembre h. 21

  1. Daniele 28 dicembre 2011 at 21:25 #

    Cosa si intende esattemente con “sottoscrizione”?

    • enrico 29 dicembre 2011 at 14:35 #

      sottoscrizione libera e consapevole: lasci quello che puoi e che vuoi. che ne so, 5 euro per sto spettacolo ti sembrano pochi o troppi?

  2. bis 29 dicembre 2011 at 15:50 #

    Beh…in tour costano 25 euro, io sarei felice di mettere la stessa cifra sapendo che allo stesso momento sto sostenendo il Valle! C’è il valore aggiunto, e poi se loro suonano lì vogliono sicuramente sostenerli al massimo!

  3. Franky 29 dicembre 2011 at 17:38 #

    ragazzi l’indirizzo qual’è?

  4. marco 30 dicembre 2011 at 10:41 #

    Il problema non erano i soldi…era riuscire ad entrare!
    Un concerto così si poteva organizzare magari in piazza
    (sempre facendo sostenere l’occupazione).
    Comunque i “ragazzi” del Valle sono sempre molto disponibili,
    nonostante il casino di ieri sera!

  5. Lalle 30 dicembre 2011 at 14:23 #

    ci sono troppo troppo rimasta male 🙁 ero ad un metro dalla porta!
    a parte questo piccolo particolare si poteva gestire meglio il fatto delle entrate, che ne so, una sorta di numeri da distribuire così la gente in più poteva andare via…anche perchè fino all’ultimo c’era chi contava e distribuiva false speranze…. e vabbè, so bene che l’organizzazione di questi eventi è sempre molto difficile quindi 🙂 chiudo lo sclero post delusione 🙂

Lascia un commento

css.php