newhome

20 Mag

al

25 Mag

IO IN TESTA | cantiere comune di immaginario politico | 20 > 25 maggio

Teatro Valle Occupato | Nomas Foundation 
20 > 25 maggio
BLOG | http://iointesta.tumblr.com/

img_post_CantiereIo in testa
Cantiere Comune di
Immaginario Politico

Laboratorio e performance di
Marzia Migliora e Luigi Coppola

Cantiere comune 
Nuovo Cinema Palazzo:
lunedì 20 > venerdì 24 maggio
h. 14  - 19

Teatro Valle Occupato:
sabato 25 maggio
h. 14  - 18

Performance
Dal Teatro Valle Occupato alla strada

25 maggio h. 18

 

_DSC5943

Chiamata pubblica
per l’attivazione del Cantiere Comune

Due artisti, Luigi Coppola e Marzia Migliora, il Teatro Valle Occupato, la Nomas Foundation e Nuovo Cinema Palazzo invitano i cittadini alla co-costruzione di un’azione artistica e politica, in reazione al ruolo marginale che oggi è dato alla Cultura all’interno del dibattito politico.

Tutti coloro che pensano sia arrivato il momento di mettere in testa la cultura come bene comune, priorità per lo sviluppo sociale, sono invitati a prender parte al laboratorio Cantiere comune di immaginario politico che darà vita alla performance-manifestazione Io in testa. Il laboratorio e la performance si svolgeranno simbolicamente nei giorni precedenti le elezioni comunali di Roma. Il progetto prende forza e ispirazione dalle pratiche politiche e culturali avviate dal Teatro Valle Occupato, Nuovo Cinema Palazzo e da altre realtà in lotta, che mettono al centro del loro fare la cultura intesa come azione primaria per strutturare una necessaria utopia concreta in cui il cittadino è motore del cambiamento. Il progetto parte proprio da questi atti specifici nell’intento di formalizzarli e comunicarli, canalizzandoli attraverso il corpo artistico e politico. Corpo collettivo e individualità aggregante. Corpo sociale resistente capace di manifestare visioni. Durante lo svolgimento del cantiere, condivisione, ascolto, proposta e fare manuale si fondono al fine di costruire la struttura corale della performance. Il simbolo aggregante scelto per Io in testa sarà un copricapo costruito in cartapesta durante i giorni del laboratorio. Ogni partecipante potrà realizzare il proprio copricapo fatto di carta di giornale, a partire da quello tradizionale indossato dai muratori per assumere fattezze diverse e personali, simboliche, identitarie e di resistenza. Indossare questo oggetto costruito a partire dall’attualità dei giornali è un atto di presa di coscienza e di volontà di vestire il quotidiano, riportandolo dove esso nasce e si disputa: la strada. Il cantiere si propone anche come mezzo di sintesi e raccolta di contenuti che si stanno attivando attraverso l’esperienza dell’occupazione. A questo scopo, saranno anche invitate diverse personalità per animare e stimolare il dibattito su temi della cultura come bene comune. Per partecipare non è richiesta nessuna esperienza, solo volontà di condivisione e collaborazione. Portare con sé solo 1 testa: per proporre, ascoltare e indossare il copricapo costruito durante il cantiere.
L’ingresso e la partecipazione al cantiere è libera.
L’invito a prendere parte alla performance è esteso a tutta la cittadinanza.
Collaborazione al progetto: Claudia Polizzi
Per info e registrazione: extravalle99@gmail.com

, , , , , ,

No comments yet.

Lascia un commento

css.php